Stranomavero, gioielli che passione!

Quando i bijoux sono i veri protagonisti.

Tutto inizia come sempre quasi per caso, circa 15 anni fa, vedendo un anello in una vetrina. E’ stato come un flashback, un’illuminazione!

Dalla voglia di realizzare qualcosa di personale, come quel gioiello appena visto, da una borsa piena di materiale acquistato in una merceria, da una grande passione, nasce “Stranomavero” di Antonella Caprioli.

Quell’anello poi, no, non l’ho mai realizzato perché quell’anello rappresenta la fiamma della mia creatività e rifarlo vorrebbe dire buttare dell’acqua su quella fiamma e spegnerla.

Così inizia il racconto di Antonella quando la incontro presso “L’Officina Stranomavero” di via Felice Venezian 7/B, parlando di come è diventata una designer di gioielli.

collage

Un insieme di fili di alluminio, perle di vetro, di legno e del tessuto, che intrecciati tra loro prendono forma per creare un “pezzo unico“, un gioiello fatto a mano.

Alluminio che Antonella lavora, avvolge, arrotola in una spirale, un “groviglio armonico” di fili e colori che danno vita alle sue creazioni.

ciondolo

È  tra le sue mani che nascono le creazioni di Stranomavero, perché non c’è uno schema da seguire o un modello da replicare, ma c’è semplicemente l’istinto.

L’Officina Stranomavero è il luogo della spontaneità e dell’estrosità nel quale i gioielli di Antonella si riappropriano della loro identità che negli anni passati era stata un po’ messa da parte per esigenze di natura più commerciale.

libelule

 

farfalla

I bijoux Stranomavero diventano protagonisti, valorizzando ancora di più i capi di abbigliamento di marchi di nicchia quali Neirami e Spaventapasseri.

Una libellula color bronzo che spicca il volo e sullo sfondo il bianco candido di una camicia. Lunghi fili, collane e ciondoli che impreziosiscono una giacca nera sfruttando i colori bruciato delle perle infilate qua e là. Un pantalone lungo dalle linee essenziali con uno spillone in vita come le ali di una farfalla pronta a spiccare il volo.

negozio

pantalone

Gioielli non solo belli da indossare ma anche da esporre, come si può ammirare nello spazio dell’Officina.

tavolo

Di fronte, in via Felice Venezian 8/C si trova invece la “Bottega Stranomavero“.

Due negozi, due anime di Antonella; la Bottega rappresenta la sua parte più commerciale, il negozio dove tutto è iniziato e dove si possono trovare gli abiti di Manila Grace e Ottod’Ame, marchi che seguono la filosofia di Antonella, ossia di un capo di abbigliamento che si possa adattare alle diverse occasioni.

Così la Bottega diventa una sorta di grande cabina armadio, un guardaroba dal quale attingere per poter creare il proprio outfit  in base alla propria personalità e mantenendo sempre la propria unicità.

Antonella si alterna tra queste due realtà, grazie anche all’aiuto del suo prezioso staff che la segue nella realizzazione dei suoi sogni: Lara, Nuccia, Giorgia, Massimiliano e Tiziano.

Untitled design (4)

Vi consiglio di andare a curiosare sia in Bottega che in Officina Stranomavero, dove vi può capitare di vedere Antonella, seduta al tavolo di legno, mentre lavora e dà vita alle sue creazioni, con tale passione ed entusiasmo che non potrete fare a meno di acquistarne una anche voi.

Lascia un commento